lunedì, Novembre 28, 2022

Aveva fatto l’esame di idoneità sportiva ad ottobre il 16enne morto ieri a Laterina. Il padre oggi allo stadio

Si chiamava Oussama Mouhssine il 16enne di origine marocchina morto ieri sera all’ospedale San Donato di Arezzo a seguito, quasi certamente, di un arresto cardiaco. Il ragazzo aveva accusato un malore alle 18,30 allo stadio di Laterina, durante gli allenamenti con la squadra juniores dell’Arno Castiglioni. Un dramma quello che si è abbattuto sulla società gialloblù, ma soprattutto sulla famiglia del ragazzo, che abita a Levane. E oggi la comunità levanese ha manifestato grande affetto nei confronti di chi ha perso il loro affetto più caro. Oussama, che frequentava l’Isis Valdarno di San Giovanni, non aveva mai manifestato problemi di salute e lo scorso mese di ottobre aveva effettuato l’esame di idoneità sportiva, che non aveva riscontrato alcunché. Era benvoluto da tutti. Centrocampista, era uno dei punti di forza della squadra allenata dall’ex viola Giovanni Guerrini, che oggi, allo stadio, ha incontrato il padre del ragazzo. Oussama ha iniziato ad accusare giramenti di testa e si è seduto sul terreno di gioco mentre era in corso l’allenamento. Ma non ha mai perso conoscenza. Poi l’arrivo dell’ambulanza, la corsa all’ospedale di Arezzo e la morte, sopraggiunta ieri, nella prima serata. Una vera tragedia.