giovedì, Febbraio 2, 2023

La Sangiovannese in superiorità numerica raggiunta al 91′ dal Città di Castello. Continua il momento no

Incredibile pareggio della Sangiovannese, che non è riuscita a battere un Città di Castello che ha giocato l’intero secondo tempo in inferiorità numerica. Il pari della formazione tifernate è arrivato al 91′, ma questo non giustifica la prestazione di una squadra che avrebbe dovuto chiudere la gara nella ripresa. Non l’ha fatto e questi sono i risultati. C’è da cambiare decisamente marcia perché il momento è delicato e la delusione, anche tra gli sportivi, è palpabile. Prima azione da goal per la squadra di Firicano dopo 9 minuti, con un calcio di punizione di Bellini che costringe Nannelli alla deviazione in angolo. Al 16′ Caprio conclude in porta, costringendo l’estremo difensore umbro ad un’altra parata non facile. Al 38′ è il Città di Castello che va vicino al goal. Su punizione colpo di testa di Mosti con la sfera che termina fuori di pochissimo. Alla 41′ i valdarnesi reclamano un calcio di rigore apparso ai più netto. Un fallo di mano in area di Paparusso su conclusione di Bellini non viene sanzionata dal direttore di gara, tra le proteste generali. Ma tre minuti dopo arriva il goal della Sangiovannese. Su conclusione di Baldesi da pochi metri deviazione decisiva di Boix che spiazza il portiere Nannelli e porta in vantaggio il Marzocco. Un vantaggio meritato con cui si conclude la prima frazione di gara.
Ad inizio ripresa un episodio chiave della partita. Dopo soli quattro minuti, infatti, i tifernati rimangono in 10 uomini. Bellini si invola verso l’area avversaria e viene esteso da Brunetti con un fallo da ultimo uomo. Inevitabile il rosso per il giocatore ospite. Si mettono bene le cose per la formazione di casa che però non deve commettere l’errore di pensare che la vittoria sia già in cassaforte. Al 21′ Caprio serve Baldesi che da posizione favorevolissima calcia alto. Poteva essere l’occasione del raddoppio. Alla mezzora Poli, nel frattempo subentrato dalla panchina, riceve una palla d’oro in area ma non riesce nella zampata vincente e svirgola. Gli azzurri si rendono pericolosi anche al 39 con Caprio, che servito da Poli conclude in porta ma la sfera termina fuori di un soffio. Non riesce a chiudere la partita la Sangiovannese, che nel primo minuto di recupero subisce la beffa. È Gorini che dalla linea di fondo mette la palla in rete, consentendo a Città di Castello di conquistare un pareggio insperato. Ennesimo passo falso della formazione di Aldo Firicano, Con l’aggravante che è arrivata contro una squadra che ha giocato tutto il secondo tempo in inferiorità numerica. Non ci siamo.