lunedì, Febbraio 6, 2023

Rocca Ricciarda: cadono massi dalla falesia e sfondano il tetto di un’abitazione. Via ai lavori per la messa in sicurezza

Nuovo distacco di massi della falesia di arenaria di Rocca Ricciarda nel comune di Loro Ciuffenna. A metà novembre, forse a causa del maltempo, sono precipitati su un’abitazione privata e hanno sfondato il tetto e il solaio rendendola inagibile. Sono stati i residenti del piccolo borgo a segnalare l’accaduto e sul posto sono arrivati i tecnici dell’Unione dei Comuni del Pratomagno che, sulla base dei rilievi, hanno accertato come il crollo di pietre di grosse dimensioni e del peso di alcune decine di chili abbia innescato una situazione di pericolo per l’incolumità pubblica e privata. Per questo si è subito provveduto ad affidare i lavori in somma urgenza in forma diretta a un’impresa specializzata del settore per un importo di 251 mila euro che saranno finanziati dalla Regione visto che quella porzione di territorio rientra nel patrimonio agricolo e forestale dell’ente toscano.
Non è la prima volta che il paesino arroccato sulle pendici del Pratomagno si trova a fare i conti con la fragilità dei versanti di roccia che lo sovrastano. A cavallo tra il 2017 e il 2019 era stato teatro di ben tre episodi analoghi. Allora enormi sassi erano precipitati nella piazzetta di ingresso all’abitato, in una circostanza danneggiando la piccola edicola con l’effige della Madonna (nella foto) e per rendere più sicura la scogliera si rese necessario un intervento complesso, costato poco meno di 350 mila euro, coperti sempre dall’amministrazione regionale, installando reti anti caduta sulla parete. Anche per quest’ultimo fronte interessato di recente dalla pioggia lapidea, sul versante occidentale, si dovrà procedere nel giro di 90 giorni a un’operazione di “disgaggio”, tecnica utilizzata per eliminare i rischi nelle scarpate che tendono a franare e nei costoni rocciosi che presentano parti o frammenti instabili, per poi passare al consolidamento con l’utilizzo di un rivestimento antierosivo in geocomposito in rete metallica e nella parte superiore del costone con pannelli rinforzati da funi di acciaio. Gli interventi consentiranno finalmente di mettere in totale sicurezza il paese.