domenica, Febbraio 5, 2023

Cambio della guardia al vertice dei Vigili del fuoco di Arezzo. Arriva l’ingegner Roberto Bonfiglio

Cambio della guardia al vertice dei Vigili del fuoco di Arezzo. Da ieri l’ingegnere Roberto Bonfiglio è il nuovo comandante e succede all’ingegner Pietro Vincenzo Raschillà.
Laureato in Ingegneria dei Materiali nell’anno accademico 2001/2002 con il massimo dei voti, Bonfiglio ha lavorato come ricercatore al CNR e, dopo aver ottenuto il dottorato di ricerca in Ingegneria e Chimica dei Materiali, nel 2006 ha vinto il concorso pubblico per funzionario direttivo dei Vigili del fuoco, iniziando la carriera che lo ha visto a Verbania, Grosseto e Oristano. Nel frattempo ha conseguito il master universitario internazionale di secondo livello in Protection against CBRN threats all’Università di Roma Tor Vergata.
Analista di rischio, ha svolto diverse istruttorie in ambito Seveso e numerose visite ispettive per il controllo del Sistema di Gestione della Sicurezza facendo parte, nel corso della carriera, del comitato tecnico regionale Piemonte, Toscana e Sardegna. E’ inoltre autore di oltre 40 pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali.
Dal 2006 ha partecipato alle operazioni in diverse emergenze nazionali ottenendo benemerenze di protezione civile e nel 2019 è stato nominato Cavaliere dell’ordine “Al merito della Repubblica Italiana”.
“Nell’assumere la direzione del Comando dei Vigili del fuoco di Arezzo – ha affermato – desidero rivolgere il mio saluto più cordiale a tutto il personale con il quale, sono certo, si instaurerà un ottimo e sincero rapporto umano oltre che di proficua collaborazione professionale. Sono consapevole dell’impegno gravoso che mi attende e che affronterò con entusiasmo, impegno, trasparenza, responsabilità e professionalità, improntando la mia gestione agli indirizzi dell’Amministrazione, favorendo il confronto e la necessaria collaborazione che deve caratterizzare la macchina pubblica, nel segno della continuità su tutte le valide iniziative promosse e valorizzando tutte le risorse umane disponibili nel rispetto dei ruoli e delle funzioni, con l’obiettivo di fornire al cittadino-utente un servizio efficace e sempre più efficiente. Ritengo che la pubblica amministrazione debba essere un esempio di efficacia ed efficienza ed a tale scopo il dirigente pubblico rappresenta il perno attraverso il quale tali obiettivi possano realizzarsi, sapendo di poter contare sia sul riconosciuto e straordinario spirito di servizio che sulla professionalità di tutto il personale del Comando aretino”.