giovedì, Febbraio 2, 2023

Archiviata dalla Procura di Arezzo l’inchiesta sui morti di Covid nelle Rsa di Montevarchi, Bucine e Pratovecchio. Non ci sono colpevoli

La Procura di Arezzo ha archiviato l’inchiesta sui morti Covid nelle Rsa, durante la fase più drammatica della pandemia. La notizia è stata riportata questa mattina dal Corriere di Arezzo. L’indagine è stata molto articolata e non sono emersi elementi tali per portare a processo responsabili od operatori delle strutture per “negligenze, imperizie, omissioni” che abbiano avuto un ruolo decisivo in relazione al contagio e al decesso degli ospiti. I Carabinieri del Nas, in questi due anni e mezzo di lavoro, hanno acquisito le cartelle cliniche ed effettuato sopralluoghi nelle strutture. Dopo le autopsie e gli accertamenti della Procura, il pubblico ministero Chiara Pistolesi ha quindi chiuso le indagini con la convinzione che non ci sono figure alle quali possa essere contestato l’omicidio colposo plurimo (o le lesioni aggravate) in relazione alle Rsa di Bucine, di Montevarchi e di Pratovecchio.
Venti i morti complessivi all’interno delle case di riposo. Un vero dramma, con anziani morti senza nemmeno il conforto dei familiari. Una delle pagine più dolorose della storia d’Italia. Il Covid ha creato molti luoghi di ansia e di sofferenza. Le Rsa sono stati quelli dove il dolore è stato più forte, dove gli anziani fragili hanno dovuto affrontare un dramma allora nemmeno immaginabile.