giovedì, Giugno 8, 2023

Concorso per operatori socio-sanitari. Chiassai scrive a Giani

Il Sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini ha scritto al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani facendosi portavoce del grido di allarme lanciato dagli operatori socio sanitari risultati “idonei” al concorso del 2021 di Estar Toscana. Una prova concorsuale, indetta con somma urgenza, per colmare la carenza di personale negli ospedali e distretti sanitari, che in realtà ha visto l’assunzione di “solo il 10% degli Oss idonei su 2500, con la prossima scadenza della graduatoria fissata ad aprile 2024”
“Ho ricevuto questa segnalazione, che denuncia un numero di assunzioni che non giustifica l’urgenza del concorso – ha scritto il Sindaco – e inspiegabile per l’emergenza di personale, anche di personale OSS, necessario in tutte le strutture sanitarie toscane. Comprendendo la preoccupazione dei sanitari, chiedo direttamente alla Regione di dare risposta alle istanze che inspiegabilmente non vengono date a queste persone che hanno speso tempo, denaro, studio e fatica nella preparazione di prove con la prospettiva di essere assunte. La realtà è che probabilmente assistiamo all’ennesimo blocco delle graduatorie, per favorire invece una soluzione “a tempo”, come sostengono molte sigle sindacali, tramite l’utilizzo di personale assunto con modalità “flessibile”. Se così fosse – ha aggiunto – sarebbe l’ennesima scelta miope, considerando che la mancata stabilizzazione dei lavoratori in sanità porta ad un abbassamento della qualità dei servizi erogati e di motivazione da parte dei dipendenti in un settore molto delicato che si occupa ogni giorno della nostra salute. Sicuramente preoccupa una sanità toscana che ha annunciato da mesi un deficit di circa 500 milioni di euro accumulati negli anni, a partire dallo scandalo del buco dell’Asl di Massa scoppiato nel 2012, quindi una situazione a rischio commissariamento. Come Sindaco e cittadina – ha concluso Chiassai Martini – chiedo risposte concrete su come la Regione intenda comportarsi in vista anche delle nuove misure varate dal Governo per fronteggiare carenza di personale e liste di attesa”.